Blog

Cosa può fare davvero il big data management per il marketing?

L’implementazione di una piattaforma di Big Data Management è la chiave per qualsiasi applicazione basata sull’estrazione di knowledge e degli insights (le evidenze nascoste, le intuizioni che permettono di formulare predizioni e soluzioni). Perchè? Semplice: la digitalizzazione, come fenomeno ormai pervasivo che trasforma radicalmente l’esperienza personale e professionale, ha generato l’inevitabile esplosione delle informazioni, diverse per formato e provenienza (le fonti sono le più disparate: dagli smart products dell’Internet Of Things alle applicazioni mobile, fino ai social network e ai portali di ecommerce). Caratterizzati da volumi, varietà e velocità, i Big Data rappresentano un mare magnum informativo, che cela infinite opportunità di conoscenza e applicazione. Il nodo da sciogliere è la capacità di governare la massa indistinta di bit e file, isolando i “right data” ovvero le informazioni pertinenti per ogni processo analitico.  

 

Il Big Data Management applicato al marketing 

Oggi il marketing è tra i campi applicativi privilegiati della Big Data Analytics, che ha il potere di soddisfare il sogno proibito degli addetti al settore: ovvero, restituisce la capacità di intercettare e anticipare i bisogni del consumatore, con la possibilità di mettere a punto strategie di engagement mirate. 

La facoltà di conoscere con profondità di dettaglio i desiderata degli utenti e costruire un customer journey su misura assume un’importanza strategica sempre maggiore nell’era della multicanalità. Il rapporto tra brand e cliente infatti si consuma attraverso spazi o supporti fisici (i punti vendita, i volantini cartacei, i cartelloni pubblicitari eccetera) e diversi touch-point digitali (comunicazioni via e-mail, siti Internet, mobile app e così via). 

Big data management e multicanalità

L’obiettivo è raccogliere più feedback possibili dal mercato attraverso i diversi canali di interazione, strutturare un sistema di Big Data Management centralizzato (che permetta di incrociare le informazioni multi-source integrandole con i record del CRM aziendale), profilare e segmentare la customer base, costruire strategie di engagement personalizzate, automatizzare attraverso l’intelligenza artificiale i processi di marketing (ad esempio la proposta di prodotti di interesse sulle pagine Internet visitate). 

Il fine ultimo è costruire una una customer experience omogenea e coerente su tutti i canali, con la proposta di contenuti personalizzati e pertinenti, in linea con le preferenze dell’utente, non ridondanti o invasivi. Insomma, i messaggi aziendali devono arrivare al destinatario corretto, nel momento giusto e sul canale preferito. Le soluzioni di Big Data Management permettono al marketing di ottenere il set di informazioni necessario a sviluppare il customer journey ottimale per qualsiasi cliente fidelizzato o prospect, con la possibilità di affinare le strategie nel tempo grazie all’aggiornamento continuo dei dati a disposizione e degli algoritmi analitici. 

Il marketing e i big data per la comunicazione perfetta

La tempestività dei messaggi aziendali è fondamentale per cogliere i micro-moments nello spazio multicanale. Nell’era del mobile first e dell’everywhere shopping, il consumatore accede ovunque e continuamente ai servizi digitali di comunicazione e vendita delle aziende; l’abilità del marketing è catturare l’attenzione nei brevissimi istanti in cui l’utente dimostra propensione all’acquisto o a seguire una qualsiasi call-to-action (ad esempio, il download di un white paper o l’apertura di un link). La gestione e l’analisi dei big data permettono di intercettare le micro-opportunità di business e costruire una comunicazione adeguata per coinvolgere l’utente sui diversi canali. 

Insomma, i progetti di Big Data Management applicato al marketing multicanale devono essere interpretati come una preziosa opportunità per inglobare conoscenza sul mercato e restituire output personalizzati sul cliente, coerenti rispetto al brand e contestualizzati per i diversi touch-point.

White Paper - Iride: Intelligenza Artificiale e Natural Language Processing al servizio del cliente

Condividilo su: